La nostra storia

Accanto al casolare intorno al quale ha preso forma Montanaria era presente una grande Quercia Farnia, che spingeva i suoi rami oltre il tetto dell’antica costruzione. L’ombra del grande albero si stendeva intorno anche durante i lavori di ristrutturazione, dando ombra agli operai.

La farnia può superare i trenta metri d’altezza e vivere per centinaia d’anni. E’ la quercia più diffusa in Europa e qui sui monti Sibillini presta il suo nome ad una valle selvatica e alla Forcella del Fargno, che a 1811 mt è il più alto passo carrozzabile delle Marche.

Un giorno, una tempesta di vento si abbatté sul colle di Montanaria scuotendo la grande quercia fino a farla cadere.

Quando è arrivato il momento di costruire la piscina di Montanaria è stato naturale,  per ristabilire l’equilibrio del luogo e ricordare la Quercia Grande, disegnarla come una foglia di farnia, con le due piscine per bambini a forma di ghiande.